martedì 16 giugno 2009

DEDICA ALLA CORSA

Vedi cara, è difficile spiegare,è difficile parlare dei fantasmi di una mente.
Vedi cara, tutto quel che posso dire è che cambio un po' ogni giorno, è che sono differente.
Vedi cara, certe volte sono in cielo come un aquilone al vento che poi a terra ricadrà.
Vedi cara, è difficile spiegare, è difficile capire se non hai capito già..
.Vedi cara, certe crisi son soltanto segno di qualcosa dentro che sta urlando per uscire.
Vedi cara certi giorni sono un anno,certe frasi sono un niente che non serve più sentire.
Vedi cara le stagioni ed i sorrisi son denari che van spesi con dovuta proprietà
.Vedi cara è difficile spiegare,è difficile capire se non hai capito già...
Non capisci quando cerco in una sera un mistero d' atmosfera che è difficile afferrare,quando rido senza muovere il mio viso,quando piango senza un grido, quando invece vorrei urlare,quando sogno dietro a frasi di canzoni, dietro a libri e ad aquiloni, dietro a ciò che non sarà...
Vedi cara è difficile spiegare,è difficile capire se non hai capito già...Non rimpiango tutto quello che mi hai dato
che son io che l'ho creato e potrei rifarlo ora,anche se tutto il mio tempo con te non dimentico perchè
questo tempo dura ancora.
Non cercare in un viso la ragione,in un nome la passione che lontano ora mi fa.
Vedi cara è difficile spiegare, è difficile capire se non hai capito già...Tu sei molto, anche se non sei abbastanza,e non vedi la distanza che è fra i miei pensieri e i tuoi,tu sei tutto, ma quel tutto è ancora poco,tu sei paga del tuo gioco ed hai già quello che vuoi.
Io cerco ancora e così non spaventarti quando senti allontanarmi: fugge il sogno, io resto qua!Sii contenta della parte che tu hai,ti do quello che mi dai, chi ha la colpa non si sa.
Cerca dentro per capir quello che sento,per sentir che ciò che cerco non è il nuovo o libertà..
.Vedi cara è difficile spiegare,è difficile capire se non hai capito già...

" VEDI CARA " BY FRANCESCO GUCCINI ( 1970 )

10 commenti:

  1. E allora beccati questa sempre di Guccini:

    E un altro giorno è andato, la sua musica ha finito,
    quanto tempo è ormai passato e passerà?
    Le orchestre di motori ne accompagnano i sospiri:
    l' oggi dove è andato l' ieri se ne andrà.
    Se guardi nelle tasche della sera
    ritrovi le ore che conosci già,
    ma il riso dei minuti cambia in pianto ormai
    e il tempo andato non ritroverai...

    Giornate senza senso, come un mare senza vento,
    come perle di collane di tristezza...
    Le porte dell'estate dall' inverno son bagnate:
    fugge un cane come la tua giovinezza.
    Negli angoli di casa cerchi il mondo,
    nei libri e nei poeti cerchi te,
    ma il tuo poeta muore e l' alba non vedrà
    e dove corra il tempo chi lo sa?

    Nel sole dei cortili i tuoi fantasmi giovanili
    corron dietro a delle Silvie beffeggianti,
    si è spenta la fontana, si è ossidata la campana:
    perchè adesso ridi al gioco degli amanti?
    Sei pronto per gettarti sulle strade,
    l' inutile bagaglio hai dentro in te,
    ma temi il sole e l' acqua prima o poi cadrà
    e il tempo andato non ritornerà...

    Professionisti acuti, fra i sorrisi ed i saluti,
    ironizzano i tuoi dubbi sulla vita,
    le madri dei tuoi amori sognan trepide dottori,
    ti rinfacciano una crisi non chiarita:
    la sfera di cristallo si è offuscata
    e l' aquilone tuo non vola più,
    nemmeno il dubbio resta nei pensieri tuoi
    e il tempo passa e fermalo se puoi...

    Se i giorni ti han chiamato tu hai risposto da svogliato,
    il sorriso degli specchi è già finito,
    nei vicoli e sui muri quel buffone che tu eri
    è rimasto solo a pianger divertito.
    Nel seme al vento afferri la fortuna,
    al rosso saggio chiedi i tuoi perchè,
    vorresti alzarti in cielo a urlare chi sei tu,
    ma il tempo passa e non ritorna più...

    E un altro giorno è andato, la sua musica ha finito,
    quanto tempo è ormai passato e passerà!
    Tu canti nella strada frasi a cui nessuno bada,
    il domani come tutto se ne andrà:
    ti guardi nelle mani e stringi il vuoto,
    se guardi nelle tasche troverai
    gli spiccioli che ieri non avevi, ma
    il tempo andato non ritornerà,
    il tempo andato non ritornerà,
    il tempo andato non ritornerà...

    RispondiElimina
  2. che sei pure poeta scrittore ?

    RispondiElimina
  3. sempre citando.....
    "chi sà mi indovina, per tutti gli altri accumulerei soltanto parole senza costrutto" Baudelaire (che non era bolognese....)

    RispondiElimina
  4. Gran canzone. Occhio però a ripettare le giuste dosi: troppo guccini tutto assieme ti fa perdere la forma!

    RispondiElimina
  5. la polisportiva : mah oggi ho fatto 3 mille a media più o meno di 3.40, direi non ancora. vieni giovedi a bairo a rinnovare la sfida ?

    RispondiElimina
  6. Grande Guccini,lo sai che abita dalle mie parti.

    RispondiElimina
  7. si ma se proseguite su questo passo io vi ammorbo con la "Fantoni Cesira" sappiatelo!Che c'ho una cultura Gucciniana io (e pevsino una lettera del maetvo a me ed altvi amici indivizzata)

    RispondiElimina
  8. Bairo, ...piccola città bastardo posto..l'hanno scorso ho finito la benzina al secondo giro e per arrivare in fondo non ti dico..
    E Bairo sia!

    RispondiElimina
  9. ...appena nato ti compresi...io "non la volevo fare" e lo dico col senno di prima. A domani per i (tre) giri della morte :)

    RispondiElimina