lunedì 1 ottobre 2012

PRIMO LUNGHISSIMO DA 30 KM

Forse, e ripeto forse, questa volta potrebbe essere davvero la volta buona, infatti il primo lunghissimo da 30 km, è andato per fortuna bene.
Lo scenario è quello del parco regionale della mandria di torino, terreno in buona parte sterrato anche se ben battuto, con diversi cambi di pendenza significativi.
I protagonisti sono 6, oltre a me e Stopprina, ci sono Enrico, Daniela, Cristina e Vitaliano, alla fine però ognuno, come credo sia giusto, correrà per la maggior parte del tempo da solo, al proprio ritmo e senza lepre, lavorando meglio sulla tenuta mentale oltre che sulla resistenza fisica, o viceversa.
Come primo lungo, ho trovato molto positivo correre con un sistema variato, iniziando con 3 km di riscaldamento a 5.20(inclusi nei 30), seguiti da 5 km al teorico ritmo maratona(che non conoscevo, e ora forse..) intorno ai 4.35, seguiti da altri 3 a ritmo lento che tenevo comunque di poco sotto i 5', e quindi da altri km a ritmo maratona di 4, 3, 2, e 1 km.
Mi sono fermato a bere 2 volte alla fontanelle senza fermare il cronometro, e prendendo 2 gel, il primo al 14° km e il secondo al 23°.
Sensazioni ottime dal 10° km al 20°, dove mi sono perfino dovuto frenare leggermente per paura di non finire i trenta(conoscendo i miei precedenti degli scorsi anni), tenendo bene fino al 25°, e faticando un po' di più fino alla fine dell'allenamento, dove però ho chiuso l'ultimo km a 4.43.
Ho chiuso ad una media di 4.49/km, sicuramente stanchino, ma non sdraiato, e potendo continuare anche se con sicura scadenza del ritmo, ancora per qualche altro km, quindi sono soddisfatto per la media e le condizioni fisiche generali.
Se consideriamo che correre su terreno naturale e nervoso, riduce leggermente la velocità media, va ancora meglio!
E' stato un bel viaggio e come sempre, ripensare alle sensazioni provate è quasi romantico, una lotta fisica e mentale, un susseguirsi di molti pensieri più che emozioni che nelle lunghe distanze sono innumerevoli, alcuni positivi, altri tentatori da spostare subito nel cestino, eliminati dall'antivirus naturale che ogni buon fondista deve installare al fine di non rovinare il "programma", entrando nella classica e bellissima sensazione della trans agonistica.
Devo ricordarmi della fortuna che ho nel poter fare una cosa del genere, indipendentemente dall'obiettivo agonistico prefissatomi, è il viaggio che conta, il tempo prima o poi lo si farà, ma se ci perdiamo le esperienze vissute durante la strada percorsa,  arrivare alla metà senza averci capito nulla, sarà stato vano perchè non saremo cresciuti, neanche con un nuovo personale...
In fondo la vita è una maratona, a volte un'ultra, non di certo una 10 km, la si odia, la si ama, la si rinnega, ci si torna, ma in fondo ciò che conta è dosare l'energia per correrla tutta nel miglior modo possibile e senza farsi troppo male, se si esagerà si pagherà il conto, se ci arriva impreparati si pagherà il conto, se si usano "scorciatoie" si  pagherà il conto e purtroppo, anche se si è sfigati, si pagherà il conto.
Ora non voglio certo dire che chi non corre una maratona non possa capire la vita, ma al contrario però, chi la corre, se riesce a coglierne la filosofia, può capire meglio altro.
Forse un giorno capirò anch'io....

20 commenti:

  1. non credo che la Vita sia competizione, la vedo più come Opportunità di mettersi alla prova, passo dopo passo, a prescindere da distanze e risultati — ma è solo il mio parere..... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo si yo, però credo che tu non abbia capito bene ciò che ho scritto.. :-)) probabilmente mi esprimo male io.

      Elimina
    2. Ciao Yo , la competizione è per la maggior parte delle volte con se stessi...l'impegno che ci metti , il sudore , i capezzoli che sanguinano e tutto per uno scopo finale....fosse solo per arrivare sarebbe tutto più facile...questo è il mio pensiero , poi ognuno è libero di interpretare la Vita, lo sport come meglio crede.

      Elimina
    3. chissà.... :) quando perseguiamo un fine, perdiamo di vista il momento presente: va benissimo, ma è come fare il giro più lungo.....

      Elimina
    4. io ho detto il contrario, è il viaggio che porta ad a, la cosa bella!

      Elimina
  2. L'importante che tu sia in "trans " agonistica e non altro....

    Bravo socio!

    RispondiElimina
  3. finirla , partecipare all'evento e divertirsi....
    prendila così e sicuro andrà bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. finirla si, però proviamo a fare pure il tempo, cista!! ;-))

      Elimina
  4. Il romanticismo della corsa! Ecco il tema della mia prossima riflessione! Bravo Stoppre.

    Il viaggio è scoperta di una parte della propria anima, del kernel (del software) di base in dotazione dai nostri avi. La risposta del proprio essere (in) corsa è l'esperienza diretta del viaggio. E più si corre, più si fanno domande (inconscie) e più si provano le sfumature del carattere, più si vive la filosofia dell'essenza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si. E' bellissimo, oltretutto dopo rammenti una parte dei pensieri collegati ad un preciso tratto di strada lungo il percorso...

      Elimina
  5. Si capisce dalla dialettica che sei soddisfatto, ma che (ancora)lo soffri.
    Evidentemente e' dna e basta... io (che sono podista meno dotato di te)... posso anche stare 3 mesi senza fare 30km, ma il giorno che li faccio non vedo l'ora di provare quelle sensazioni che solo il lungo ti sa dare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, lo patisco ancora, ma solo per una questione fisica ancora, mentale di meno.
      Di te mi mancano i racconti pre maratona con la dichiarazione del tempo, praticamente sempre azzeccata!

      Elimina
  6. Bravo Stoppre! Sei sulla strada giusta, questo era il primo ed è giusto patire al 25º, con gli allenenti guadagnerai altri 5km, poi la maratona te ne regalerà 42 di gioia!
    Avanti così e domenica prossima vengo anche io a fare il lungo con voi (spero e incrocio le dita!!!!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh... sabato c'è l'arrancabirra....

      Elimina
    2. È vero! Va bè allora vado con l'uomo del passato!

      Elimina
  7. Bravo Maurizio.. come testa, fare i lunghissimi da soli lo trovo forse più duro che correre la maratona in mezzo agli altri concorrenti. Se questi 30k li hai digeriti bene è un gran bel segno.
    Potrebbe anche essere il caso che tu possa aspirare a un ritmo gara più veloce di quello impostato fino ad oggi? Da valutare...ciau

    PS, Domenica potevi anche venire alla 9miglia di strambino e farla 2 volte.. OK, OK scherzo...

    RispondiElimina
  8. 3 ore e 15 il tuo obbiettivo????????

    RispondiElimina