martedì 17 agosto 2010

OH DIO DEI TAPASCIONI, FAMMI MANTENERE IL GIUSTO SPIRITO !!

Tu che vegli su di noi ogni giorno, dal momento in cui indossiamo le scarpette da corsa, controlliamo che i lacci siano legati bene, sempre col doppio nodo, che bagnamo la fascia del cardio e mettiamo il gps sul balcone a " prendere " prima di uscire, ascoltami, ti prego.
Aiutami a mantene l'equilibrio di questo sport, capire se sto facendo troppo o poco, regolandomi di conseguenza ; il piacere è fondamentale, però se ti poni un obiettivo che sogni, possono esserci momenti duri, lo so, dammi la forza di non mollare con scuse inutili e banali, facendomi sopraffare da infortuni psicosomatici più che fisici..
Aiutami a svegliarmi per un allenamento, con la stessa determinazione che ho quando vado a dormire, la stessa che mi farebbe uscire in quel momento senza aspettare il mattino, poi invece, posticipo la sveglia di un'oretta ( dopo che è suonata ).
Aiutami a portare a termine gli allenamenti con dignità, ovvero quella che mi farebbe mollare solo se sopraggiungesse una contrattura, uno strappo o qualcosa di importante, perchè per un maratoneta, mollare perchè si è troppo stanchi, non deve esistere.
 Fammi rifiutare il diavolo che in alcuni momenti mi sussurra : " fermati, chi te lo fa fare, sei mica un professionista, farai meglio domani, devi conciliare anche la famiglia, il lavoro, le esigenze altrui, dai molla, sei in ritardo, hai i polpacci duri se vai avanti vengono i crampi e sarai a 15 km da casa, al buio e in mezzo ai boschi, non vedi che sei sudato marcio, dove vuoi andare, ormai così ridotto i tuoi muscoli non si contraggono neanche più, corri con le anche e pure male, dai vai a casa e mangiati un bel panino con prosciutto e maionese con mezzo litro di vino, devi recuperare ".
Diavolo, vaffanculo, io vado avanti e i tuoi sussurri, possono anche destarmi per un attimo, ma di certo non saranno sufficienti a mollare la mia lunga e difficile strada, che poi mi ricorda tanto quella della vita, caratterizzata anche ma momenti d'immenso piacere a cui tu non sei invitato.
Aiutami a non infortunarmi seriamente e , se fosse il caso, capire quando è necessario di riposarsi un po di più, senza compromettere l'allenamento svolto finora.
Infine, dammi la forza di resistere al peggiore dei miei peccati, la " gola ", che sicuramente non gioca a favore dei miei allenamenti.

Amen

10 commenti:

  1. esageratooooo!
    tutto questo per 27km appena!
    luciano er califfo.

    RispondiElimina
  2. Se la testa dovesse ogni volta ascoltare le gambe .... ahi ahi noi :-)) invece siamo testardi, caparbi e non molliamo mai .... a volte mi chiedo anch'io chi è il mandante delle mie caxxxte :-) ciao a presto.
    Fausto/Norge

    RispondiElimina
  3. ohhh, anch'io lo sento sto diavolo!

    RispondiElimina
  4. che il grande spirito ti ascolti, augh!

    RispondiElimina
  5. Amen, e ora un po' di vin santo!!

    RispondiElimina
  6. Stoppre che lo sforzo sia con te!

    RispondiElimina
  7. Fottilo quel cazzo di cervello !....ah ah ah....

    P.s. io ai peccati di gola non rinuncio.....

    RispondiElimina