giovedì 16 settembre 2010

CONSIDERAZIONI PERSONALI; SFATIAMO UN MITO ??

LA CORSA FA BENE !!
si e no, credo che dal punto di vista amatoriale e non agonistico, la corsa sia un toccasana, la mezzoretta 2-3 volte a settimana, insieme a qualche seduta di potenziamento muscolare, è l'ideale per rimanere integri ( se fortunati) a livello osteo- articolare e cardiaco, unito ovviamente ad un' alimentazione equilibrata, ricca di fibre e alimenti poveri di grassi...
Se come me, siete agonisti, anche solo con se stessi e l'obbiettivo è anche quello di migliorarsi, la corsa non si può dire che faccia altrettanto bene, o meglio, non completamente.
Per mantenere un buono stato di forma, corriamo in ogni condizione e situazione, andandoci ad impegolare in sfide che se non porteremo a termine, ci potrebbero anche deprimere !! ma siamo pazzi ?
se abbiamo qualche acciacco, a meno che non ci impedisca proprio di correre per dolore o altro, non ci fermiamo finchè non si cronicizza e, ci costringe alla resa obbligata, se poi il lavoro che facciamo è anche duro dal punto di vista fisico, l'infortunio è in agguato.
ma allora, siamo eroi o coglioni ?
Probabilmente, sarei un buon ciclista, un ottimo culturista e forse, un grande astronauta ( questa ovviamente è una cazzata..).
Nella corsa, la mia aspirazione massima, è quella di essere un mediocre runner e, anche se migliorassi di 20'' al km, rimarrei comunque uno scarsone.
Quando facevo solo palestra e un po di bici, non avevo nessun acciacco, si, sicuramente ero anche più giovane, però il rinforzo muscolare, non può far altro che migliorare la stabilita articolare, nonchè la postura, questo è sacrosanto !!
Con la corsa di resistenza, ho avuto, ed ho tuttora, almeno 3 acciacchi cronici, attualmente non debilitanti e scarsamente influenti sulla permormance atletica, però se penso che il tempo, non può che far peggiorare il tutto, posso affermare che da questo punto di vista, la corsa, non fa e, non mi fa assolutamente bene !!
Quindi, cosa cerco, il benessere o il rischio del malessere ?
Inoltre, bruciando migliaia di calorie a settimana, dal punto di vista alimentare, lascio nettamente a desiderare.
Non mi privo di nulla, anche se alla fine, evito come la peste, quasi tutti i prodotti confezionati e, conosco bene la differenza tra un prodotto ( semi)sano e una schifezza !! mangio tanto, ma bene e abbastanza genuino ( tranne qualche volta ).
Bevo tanto...ma bene, esclusi superalcolici e amari ( tranne 3-4 volte l'anno )

Per concludere, dal mio punto di vista, esistono almeno 5 sport migliori della corsa per la salute, ma essendo
ormai assuefatto e drogato di podismo, mai loi sostituirei con la mia amata distruttrice di cartilagini, articolazioni e ossa nei casi più gravi !!
Come ha scritto guido (..e io corro ), il podismo dovrebbe essere uno sport a basso costo, ma se abbiamo degli obbiettivi cronometrici, in un anno, tra iscrizioni varie, fisioterapista, spostamenti in macchina, scarpe, abbigliamento, il prezzo sale notevolmente...
Nonostante questo, amo la corsa, amo sfidarmi e stancarmi, amo le sensazioni adrenergiche che solo un buon allenamento o una garetta possono darti, amo il senso di pace che provo quando ho finito un allenamento duro, amo assecondare il nirvana bevendo birra dopo l'allenamento ( terribile..).
Purtroppo o per fortuna,  la corsa ci fa bastare a noi stessi, cosa che detta così, può sembrare terribile, invece è il contrario, infatti solo colui che sta bene con se stesso, può  dare qualcosa che non sia paura, frustrazione o rabbia ad altri.
Quindi, nonostante l'evidenza dica il contrario, continuerò a correre finchè non sarò completamente a pezzi ( sperando che non succeda ), poi forse, cambierei sport, iniziando a pensare alla salute !!
buonanotte a tutti.

LO DICEVA GIA' IL MAESTRO TOTO SAVIO..

15 commenti:

  1. "adrenergiche" mi è piaciuto...
    io direi: ma che ce frega? la vita è un gioco...
    se mi metto a elencare le cose che non fanno sempre bene...
    comunque la corsa dà pure qualche problema alla carrozzeria, ma il MOTORE... VROOOOOMMMM!
    luciano er califfo.

    RispondiElimina
  2. "Purtroppo o per fortuna, la corsa ci fa bastare a noi stessi, cosa che detta così, può sembrare terribile, invece è il contrario, infatti solo colui che sta bene con se stesso, può dare qualcosa che non sia paura, frustrazione o rabbia ad altri."
    Parole sante e sacrosante
    agnese

    RispondiElimina
  3. Per la serie: "Quel vizio che ti ucciderà non sarà fumare o bere, ma è qualcosa che ti porti dentro, cioè correre, correre..." (libero adattamento de La Bambina portoghese di Guccini)
    Enfia
    P.S. Ma era così pesante il nebbiolo di ieri sera?

    RispondiElimina
  4. Stoppre, sono pienamente d'accordo con te! Io sono il tipico esempio di podista storpiato dalla corsa, pensa che è dal 21 febbraio che non corro ed ho ancora i tendini d'achille malati! E' 15 anni che combatto coi tendini d'achille! Adesso mi attendono 2 mesi di camera iperbarica e poi si vedrà! Comunque preferisco bici (mi sono comprato la MTB nuova proprio ieri) e nuoto (ho rischiato di iscrivermi ad una traversata a nuoto solo che purtroppo non ho fatto in tempo), questi sport non mi hanno mai fatto infortunare! La bici magari è pericolosa per le cadute, ma le MTB di nuova generazione tengono la strada che è una bellezza, perciò a meno di fare pazzie, non si dovrebbe cadere...

    RispondiElimina
  5. Stoppre, secondo me hai trascurato un fattore importante. Molti infortuni sono causati dalla negligenza dello stesso podista e da sedute di allenamento completamente sgarrate...da assenza di stretching, potenziamento...e buon senso!!!
    Se ho male alla caviglia, al ginocchio, all'anca..è ovvio che correndoci sopra rischierei di cronicizzare l'infortunio.

    Paolo isola, la tua storia podistica non può essere presa come esempio, visto che, come spesso hai avuto modo di scrivere sul tuo blog, la causa principale che ti costringe a non poter correre, sono stati gli allenamenti scellerati del tuo allenatore.

    Sono d'accordo con Luciano, se facciamo l'elenco delle cose che non fanno bene..riempiamo un blog intero.

    Poi la risposta te la sei data da solo...la corsa ti fa stare bene e questo è tutto!!

    Walter

    RispondiElimina
  6. Io sono arrivato alla corsa già semi rotto da 13 anni di bodybuilding.E' sopratutto a quello (praticato inizialmente in maniera poco accorta) cui devo la mia l'ernia. Penso che comunque, aldilà del tipo di sport scelto,ci si deve lasciar guidare sempre dal buon senso, e da un ascolto attento dei segnali del nostro corpo.

    RispondiElimina
  7. stavolta mi tocca quotare er califfo (doveva succedere)... e come diciamo sempre: ci sono tante chiavi di lettura per quanti siamo a correre....

    RispondiElimina
  8. siamo come siamo :-))

    Il tuo post mi calza a pennello ...io corro per divertirmi e se il divertimento diventa anche autolesionismo (e su questo con il Califfo è 1 anno che ci parliamo) va bene così ...

    Sinceramente a me di fare le mie 3 uscite al parco per abbassare il colesterolo e tenermi in forma non mi diverte per nulla....

    Sono competitivo e folle e ne pago le conseguenze quindi forse a me in generale la corsa non fa bene però mi diverte e soprattutto mi sfoga tutto lo stress che accumulo....

    RispondiElimina
  9. Ogni sport procura traumi al corpo (tranne le bocce e il curling credo) a volte anche trombare stira qualche muscolo!
    E allora che differenza fa!
    Tanto vale trombare e correre!!!!! :P

    RispondiElimina
  10. Nel suo male è il male migliore...

    RispondiElimina
  11. master,
    una volta una tipa mi ha causato l'ernia inguinale e mi sono dovuto operare...
    un'altra mi ha causato una distorsione al pene.
    ihihih!
    luciano er califfo.

    RispondiElimina
  12. Corrado:.........mi hai quasi fatto passare la voglia di correre.........

    RispondiElimina
  13. il significato del post, era per stimolare a correre, non per smettere :-((
    chiaramente più si ottimizza l'allenamento, l'alimentazione e di conseguenza il peso, meno si dovrebbe ricorrere in infortuni, comunque non gravi.
    poi un po tutti, come anche da ammissioni varie, nel momento in cui ci siamo fatti male, abbiamo fatto delle cavolate mostruose con l'aggravante della consapevolezza nel farlo !!

    RispondiElimina
  14. @ stoppre: bel post. ancora una volta ci hai preso! in bici a volte sto proprio esagerando per quelle che sono le mie capacità, ma finora non mi sono ancora fatta nulla. se di corsa esageri anche solo di 5' di troppo, tempo due giorni e salta fuori l'acciacco! sarà per questo che andare in bici mi sta divertendo molto: posso sfinirmi e faticare d abestia come negli allenamenti di corsa ma senza creare gravi danni al mio fisico (a parte le gambe a pezzi)

    @ walter: non sono molto d'accordo...scusami neh...mi permetto di dirti questo solo perchè io in questi 6 anni di corsa ho sempre cercato di fare tutto x bene: potenziamento (mi ha seguito il mio osteopata per potenziare i muscoli giusti x evitare di farmi male, e non finirò mai di ringraziarlo), andature e tecnica di corsa almeno 2 volte alla settimana, stretching fatto bene ecc. COMUNQUE ANDASSERO LE COSE, IO HO SEMPRE CORSO NON PIù DI 3 MESI DI FILA..POI ARRIVAVA L'INFORTUNIO! Ovvio che adesso è logico che io mi faccia male: sono obesa (quasi)! Però mi facevo ancora più male quando ero magra...quindi le cose non cambiano!

    La corsa per me rimarràsempre amore-odio: è la cosa che mi dà più soddisfazione ma quando ti costringe a fermarti si soffre da morire. Io non mi faccio più molte illusioni: non fa x me. Anche se proverò a tornare "a regime", ma ho dei seri dubbi di farcela. E non sapete quanto mi faccia male ammetterlo!

    RispondiElimina
  15. La birra ed il vino in genere fanno bene!
    E qui non c'è niente da sfatare!!!! :D

    RispondiElimina