domenica 22 aprile 2012

LEZIONE D'UMILTA' PER STOPPRE ALLA MARATONA ALPINA

Al 4° km........


Oggi ho capito che:
1- avevo sottuvalutato questa gara credendola più soft( ma l'anno prossimo ti aggiusto io..)
2- forse avevo fatto dei lunghi troppo brevi per un trailazzo come questo(max 26 km)
3- devo capire bene la natura dei miei crampi, eccessiva sudorazione e scarso reintegro idrico e di sali in gara? scarso allenamento? sono piciu perchè esagero all'inizio?
4- Il mondo del trail mi affascina sempre più, forse in gare più brevi potrei andare decisamente meglio, però non sarebbe la stessa cosa e non sono il mio obiettivo primario.
5- La resistenza alla sofferenza che ho provato oggi(resilienza se vogliamo), sarà la mia nuova arma per il futuro.
6- vista la bella giornata, in oltre 8 ore in montagna, mi sono abbronzato! :-))

Partendo subito dalla gara, senza preliminari(perchè ho troppa voglia..di raccontare), dico che oggi ho affrontato e terminato la MARATONA ALPINA DI VALDELLATORRE, si, ma come??
Allo start, ore 8 in punto, siamo insieme con i partecipanti della mezza maratona, ad occhio e croce un 150 trailers.
Parto molto lento e senza riscaldamento poichè se non si vuole arrivare tra i primi 20, in queste gare non serve; ritmo abbondantemente sopra i 5'/km su strada asfaltata che man mano sale leggermente e dal 4° km in poi, diventa sterrato e classico ambiente trail.
In salita mi sento bene, sia correndo che camminando, in base ovviamente alla pendenza. Ho la sensazione di essere partito un pelo forte in quanto vedo atleti che di solito mi rifilano tra 1 e 2 ore nette.
Corriamo quasi sempre con Enfia, in salita manteniamo e, in discesa e piano superiamo gli "avversari" come bambolotti, dentro di me però penso: "oh, ma stiamo facendo la mara, mica la mezza", arrivati al col del lys, traguardo della mezza, vedo il pallone del traguardo e sotto, un muro di circa 80 metri con la pendenza del 70% almeno e penso: "sticazzi!!", parto per affrontarlo e subito crampi tremendi bilaterali agli adduttori, mi siedo e aprò le gambe come se dovessi partorire, per fortuna i crampi passano, però quel muro da affrontare come lo faccio? penso perfino di tirarmi su con le braccia aggrappandomi a rametti d'erba per 70 metri :-)).
Per fortuna quando mi rimetto in piedi i crampi non tornano(subito) e passo il traguardo della mezza in circa 3 ore e 11-12 minuti, mi rifocillo alla grande al ristoro e intanto penso se continuare o meno.... poi mi torna in mente quella frase di Valerio Bertoglio e Trabucchi che mi guarda,  allora dopo consulto con Enrico, riprendiamo la salita verso il monte Arpone(punto più alto con circa 1600 metri), lui va, io sono dietro con l'accenno al ritorno dei crampi, però salgo bene. Verso metà salita, una stilettata ai vasti mediali che mi fanno subito piegare sulle ginocchia, mi rialzo e sembrano passare, quindi riparto con calma.
Fino al monte, ho avuto altri crampi, ma sono arrivato su ancora in discrete condizioni, poi in discesa è iniziato il calvario.
Mi sono fermato per crampi almeno 15 volte, con grande empatia degli altri trailers che si fermano ogni volta(superandomi ovviamente..), chiedendomi sempre se avevo bisogno, uno di loro mi ha anche lasciato la sua borraccia con dentro acqua e sali.
In qualche modo sono arrivato al monte musinè, intorno al 30° km...... da li è iniziata la discesa micidiale che  ha dato il definitivo colpo di grazia alle mie povere gambe, non erano più crampi ma direttamente doms ormai, non sono riuscito a fare più 10m di corsa.
La discesa è stata davvero dura e anche se ha poca importanza, mi hanno (ri)superato tutti, alla fine però, camminando sono riuscito a tagliare il traguardo in 8 ore e 21 minuti.
La stopprina che ha corso la mezza con un ottimo 3.36, al 41° km, mi ha portato una bella birra che desiseravo, e in questo caso si può dire, da oreeeeeeee.
Sono contento per aver finito il percorso, ora posso dirlo, un 7 ore e 30 mi andava bene, quello che credevo di poter fare era un 6 ore e 50..presuntuoso !!
Un ringraziamento particolare va all'organizzazione per i ristori e soprattutto quello finale.
Un saluto particolare al blogger degli orchi Pino, per le parole scambiate e, a zio Ugo per esser stato presente all'arrivo anche se ha dovuto aspettare un po'..
Grande Enrico che ha chiuso in 6 ore e 58 minuti

alcune foto rubate agli "orchi"








                                                            LA CLASSIFICA

15 commenti:

  1. Chissà che male alle gambe...bravo!!!

    RispondiElimina
  2. sei oltre ogni mia più sfrenata velleità, anche incoffessata, ma per i crampi posso consigliarti i booster — funzionano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. yogi, tu sei sempre troppo buono però, se davvero ci fosse il desiderio di provare, guarda che partendo con calma, è meno traumatico dell'asfalto! i booster li ho e li ho usati, però il mio problema sono le cosce, in particolare, vasto mediale e adduttori. grazie

      Elimina
  3. La testa c'era, il fisico non ancora. Non è che ci vuole più tempo per preparare questo tipo di gare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh Gian, il mio fisico per adeguarsi ha bisogno di tempo, comunque partecipare ad un trail non è come correre in una gara su strada con l'obiettivo di fare il tempone, certo, meno ci impieghi e più soddisfazione c'è, però è tutt'altra cosa. E' proprio un altro concetto. Oggi ad esempio ho negli occhi alcuni passaggi che vorrei andare a rifare subito, correre dove non sono riuscito per i crampi, guardare di più quando possibile... bellissimo!!

      Elimina
  4. Ma poi che lezione di umiltà....ti sei sparato 42 km in montagna , li conosco quei sentieri e sono tosti per davvero.

    Sei stato bravissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. socio, umiltà nel senso che per fare gare così, è meglio fare lunghi almeno di 4-5 ore e più, anche pianissimo ma su terreni simili e magari partire più pianino. Poi per carità, magari se non mi venivano i crampi, sarei stato qui a dire altre cose...

      Elimina
  5. Complimenti per aver chiuso la gara, una delle 42km piu' toste in assoluto...il punticino per il sogno dell'UTMB.....e' tuo.
    Per i tuoi crampi penso che il problema sia idrico ,ti ho visto bere pochissimo...inoltre 2 giorni prima della gara almeno 2 litri di acqua al di' per idratarsi per benino...
    In bocca al lupo per le tue gare, troverai GliOrchi al Trail di S.Croce e al Monte Soglio , Oasi Zegna, Porte di Pietra , Ultra Trail 3 Rifugi , Valdigne e alfine UTMB e Tor de Geants.

    RispondiElimina
  6. Grandissimo Pino, è stato un piacere conoscerti e farmi superare.... comunque il blog degli orchi è per me un riferimento, e anche le vostre gare!!! ci vediamo al soglio...

    RispondiElimina
  7. Importante è avere capito!Bella la tavola....ma bacco dove è?

    RispondiElimina
  8. Ciao fustaccio! Innanzittutto complimenti per aver concluso la gara anche se in difficoltà con vero spirito trail hai onorato l'impegno. Certo che i dislivelli e le distanze iniziano a farsi importanti, credo sia normale trovare un pò lungo le prime volte. Per i tuoi problemi credo che i crampi non siano dovuti a disidratazione o altro ma potrebbero essere causati da una carenza di abitudine al nuovo tipo di corsa... dai che ci vediamo al Soglio!

    RispondiElimina
  9. Cazzo ti perdo per un "attimo" e mi scali le montagne !.... (;-)

    Suerte per il nuovo pianeta !

    RispondiElimina
  10. Coraggio impressionante! Bravo e basta!

    RispondiElimina